SANITADOMANI.COM – MILANO. Sono oltre 5 milioni di italiani colpiti da malattie renali e l’1 per cento di essi è costretto a sottoporsi alla dialisi o al trapianto di reni.
Un dato preoccupante al quale ha fatto preciso riferimento il sindaco di Milano Giuseppe Sala, intervenendo, con un videomessaggio,  alla conferenza che si è svolta nel pomeriggio di ieri a  Palazzo Marino, nella sede del Comune di Milano.
L’evento, promosso dalla Presidenza del Consiglio Comunale, è svolto proprio per celebrare la Giornata mondiale del rene e nella Sala Alessi di Palazzo Marino si è dibattuto su “La salute renale per tutti ed ovunque”, organizzato dalla Fondazione italiana del Rene in collaborazione con la Società Italiana di Nefrologia.
Dopo i saluti istituzionali da parte della vicepresidente del Consiglio comunale Beatrice Uguccioni, ha aperto il dibattito il dottor Rodolfo Rivera responsabile per la Lombardia della Fondazione Italiana del Rene, il quale dopo aver ringraziato le autorità comunali ha ricordato l’iniziativa di screening sanitario che si è svolto il giorno precedente in Piazza Citta di Lombardia, grazie alla collaborazione dell’assessorato regionale al Welfare.  Un appuntamento annuale, infatti, che l’Assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera sostiene al fine di attivare i preventivi controlli sanitari gratuiti ai cittadini che si sottopongo agli screening periodici che, in questo caso, sono stati eseguiti nel camper-laboratorio mobile allestito davanti all’edificio di Palazzo Lombardia.  Nella Sala Alessi, gremita di pubblico, dopo l’intervento del Presidente Lombardo della Fir, il cardio-nefrologo Rodolfo Rivera, ha  preso la parola il Presidente nazionale della Federazione Italiana del Rene, Loreto Gesualdo.

Al dibattito socio-sanitario sono inoltre intervenuti il Prof. Giuliano Brunori, Presidente della Società Italiana di Nefrologia ed il professor Renato Balduzzi, già ministro della Sanità e professore di Diritto Costituzionale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Per i saluti conclusivi sono intervenuti il luogotenente Gianni Lastella, del Comando Regionale Lombardia e Reparto TLA della Guardia di Finanza di Milano, il  generale Giarolo dei Corpi Sanitari Internazionali che fanno riferimento al Comando Generale di Roma, la responsabile per la Lombardia delle infermiere della Croce Rossa Italiana, sorella Romani.
A moderare il dibattito è stato il giornalista Ettore Politi, direttore del nostro quotidiano online SanitaDomani.com, il quale ha sottolineato come tutti gli interventi avessero un denominatore comune: l’indispensabile attenzione da porre verso i corretti stili di vita.
Nel corso del dibattito è stato, dunque, evidenziato il ruolo importante dei reni per il nostro organismo e come la perdita progressiva e irreversibile delle funzioni renali ha conseguenze sul sistema cardiovascolare e sulla necessità di dover effettuare la dialisi con tutto ciò che comporta sui bilanci del Sistema Sanitario Nazionale. Quali sono dunque gli obiettivi da perseguire? Innanzitutto aumentare la consapevolezza dei cittadini riguardo a questo rilevante problema sanitario e poi evidenziare il ruolo degli specialisti nel controllare il fenomeno epidemiologico. Ma il grado di attenzione dei cittadini verso la grave patologia ha voluto saggiarla il nostro direttore Ettore Politi con un fuori programma: chiedere al folto pubblico presente di intervenire ponendo dei quesiti sanitari.

Dalle numerose domande poste agli oratori è emerso l’elevato interesse sociale verso la necessità di una maggiore attività di informazione specifica.

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Giovanni Abruzzo
Giovanni Abruzzo, giornalista professionista, ha maturato un’esperienza ventennale in vari ambiti editoriali collaborando con testate scientifiche, di informazione e di cronaca. Da ‘Soprattutto’ a “Il Domenicale”, da Il Foglio di Giuliano Ferrara ai periodi Milanese del Gruppo E. Caltagirone, da condirettore del periodico Il Nord Milano a giornalista de “L’Eco di Milano”. La sua lunga esperienza in redazione lo ha visto impegnato sui diversi fronti specialistici dell’informazione, ma con una passione particolare per le notizie di salute e sanità. A completare il suo ricco quadro professionale e culturale vi è anche il delicato lavoro di revisione dei testi di numerosi libri editi da importanti editori italiani.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi