Curare la calvizie si può, ma è rischioso…

A cura di Elisa Bortolini

Sanitadomani.com MILANO – Un farmaco per il trattamento della calvizie con rare ma gravi controindicazioni.
Si tratta della finasteride, utilizzato per il trattamento degli stati precoci di alopecia androgenetica, che in circa il 3% dei pazienti induce effetti avversi che coinvolgono la sfera emotiva, psicologica e sessuale, dalla disfunzione erettile alla depressione.
L’insieme di questi sintomi viene definita sindrome post-finasteride (PFS), una patologia rara che non è ancora riconosciuta.
Sono pochi i professionisti che se ne occupano al mondo.
Fra questi Cosimo Roberto Melcangi, Professore Ordinario di Endocrinologia presso l’Università degli Studi di Milano.
“Dato che la finasteride è un inibitore di una via metabolica degli ormoni – spiega il professore – sia negli uomini con questa sintomatologia che in modelli animali, è stata misurata un’alterazione nei livelli di determinati steroidi.
Data la grande disomogeneità dei pazienti con PFS, è molto difficile, per noi medici, trovare un filo comune.
Nei pazienti, le analisi di routine non presentano alterazioni, tuttavia abbiamo analizzato le modificazioni epigenetiche dell’enzima coinvolto e abbiamo visto che, in queste persone, è abbastanza frequente una specifica modificazione: il problema è che non possiamo sapere se questa fosse presente anche prima dell’assunzione della finasteride”.
Gli studi attuali non sono molti: alcuni italiani e uno americano, dell’Università di Harvard, che ha dimostrato, tramite risonanza magnetica, che i pazienti con PFS presentano alterazioni correlate a sintomatologia depressiva.
“Io non sono assolutamente per demonizzare questo farmaco – precisa Melcangi – Chi rientra nel 3% dei casi di PFS ha la vita completamente distrutta, ma dall’altra parte il 97% delle persone che utilizza la finasteride ha un effetto benefico per quanto riguarda la crescita dei capelli.
Il messaggio importante è che prima di consigliare questo farmaco, si dovrebbe cercare di capire qual è la situazione preesistente”

Tags: , , , ,
a cura della redazione
sanitadomani.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi