Ieri aggrediti, oggi celebrati

Ieri aggrediti, oggi celebrati

Sanitadomani.com – MILANO. (Ep) «Aggressioni in ospedale, lavoriamo nella paura».
Questo è il titolo di un articolo di cronaca del quotidiano Alto Adige di appena pochissimo tempo fa: il 24 gennaio 2020.
Tornando indietro di giorni si può leggere su qualsiasi
quotidiano quella che oramai era diventata una delle tante notizie del mattino:
‘medico e infermiera aggrediti e feriti’. ‘Sfondata a calci la vetrata del pronto soccorso’. ‘I famigliari di un paziente entrano in sala operatoria’.

Solo non dimenticando il passato, si può avere reale consapevolezza di quanto intensa debba essere, oggi,  sia la gratitudine, sia la solidarietà da tributarsi al personale medico e infermieristico.
Non bisogna dimenticare, ad esempio che gli operatori sanitari non sono improvvisati soldati perché rischiano la loro vita per salvare le nostre dal Covid-19.
Erano eroi anche ieri. In silenzio subivano turni massacranti, tiravano diritto nonostante qualche collega o superiore pirla o lazzarone e, soprattutto, assolvevano a tutte le competenze ‘sanitarie’: persino quelle più offensive per qualsiasi dignità umana, anche per la più umile.
Medici, infermieri, operatori socio-assistenziali, OSS, OS, e mille altre sigle dietro le quali ci sono delle persone, degli esseri umani contenitori di interagenti sentimenti ed emozioni.
Quelle stesse persone che oggi, per nostro tornaconto personale, per il momento di paura, celebriamo come eroi.
Eroi lo sono, eccome!
Ciò che non è vero è che non lo sono diventati con l’arrivo del coronavirus.
Lo sono sempre stati! 

Li abbiamo avuti sempre lì, sotto gli occhi, ma persone incivili e matti non li vedevano con la giusta luce.
Regione Lombardia, ieri sera, ha illuminato di Rosso gli ultimi piani del Palazzo del Governo regionale per celebrare la giornata mondiale della Croce Rossa, ma soprattutto per ribadire anche il proprio grande grazie a tutto il mondo sanitario e del volontariato. C’è da sperare che quel rossore illumini anche il viso di coloro i quali, con le loro parole o loro azioni, feriscono l’onore di tante brave persone il cui lavoro è quello di far del bene agli altri. 

CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi