Obesità: più rischi di  diabete rispetto alla genetica

Obesità: più rischi di diabete rispetto alla genetica

Sanitadomani.com – EUROPA: L’obesità comporta più rischi di sviluppare il diabete rispetto alla predisposizione genetica. Addirittura il rischio aumenta di 11 volte. Perdere peso quindi potrebbe non solo prevenire l’insorgere della malattia, ma anche invertirne l’andamento in chi già ne soffre.

I dati arrivano da una ricerca presentata al congresso della Società europea di cardiologia, che ha messo in rapporto rischio ereditario e Indice di Massa Corporea (IMC). “In base ai nostri geni, potrebbe essere possibile individuare precocemente chi ha un’alta probabilità di sviluppare il diabete – ha afferma il professor Brian Ference, ricercatore principale dell’Università di Cambridge e dell’Università di Milano – Abbiamo condotto questo studio per scoprire se la combinazione del rischio ereditario con l’ indice IMC potesse identificare le persone a più alto rischio. Gli sforzi di prevenzione potrebbero quindi concentrarsi su questi individui”.

Il diabete raddoppia il rischio di malattia coronarica, ictus e morte per malattie cardiovascolari.  L’obesità è la principale causa modificabile del diabete di tipo 2.

LO STUDIO

I ricercatori hanno preso in esame 445.765 persone della biobanca britannica. L’età media era di 57,2 anni;  il 54% erano donne. Il rischio ereditario di diabete è stato valutato utilizzando 6,9 milioni di geni. L’IMC è stato calcolato misurando peso e altezza (la formula è peso moltiplicato per il quadrato dell’altezza).

I partecipanti sono stati seguiti fino a un’età media di 65,2 anni. Durante quel periodo, 31.298 hanno sviluppato il diabete di tipo 2.

I RISULTATI

I partecipanti sono stati divisi in cinque gruppi in base al rischio genetico di diabete. Sono stati anche divisi in cinque gruppi in base al IMC. I risultati dell’indagine scientifica sono stati chiari: le persone con IMC più alto avevano un rischio di sviluppare il diabete 11 volte maggiore rispetto ai partecipanti nel gruppo IMC. più basso. E questo indipendentemente dal rischio genetico. 

L’IMC alto era pari a un valore medio di 34,5, definito come obesità di tipo 1 (ai limiti dell’obesità di tipo 2, che parte da un valore di 35). L’IMC era pari a un valore medio di 21,7, definito come normopeso. Quindi, l’obesità comporta più rischi di diabete rispetto alla genetica.

Non incide sui rischi, invece, il fattore tempo. Essere in sovrappeso per un lungo periodo non aumento il rischio di avere il diabete

LA PREVENZIONE

I medici hanno notato che l’inizio della soglia di rischio è diversa per ogni persona. Probabilmente dipende dal valore di IMC nel quale i livelli di zucchero nel sangue diventano anormali. “I risultati indicano – continua il dottor Ference – che la maggior parte dei casi di diabete potrebbe essere evitata mantenendo l’IMC al di sotto di tale limite. Ciò significa che per prevenire il diabete, sia l’IMC che la glicemia dovrebbero essere valutati regolarmente. Gli sforzi per perdere peso sono fondamentali quando una persona inizia a sviluppare problemi di zucchero nel sangue “.

“Potrebbe anche essere possibile invertire il diabete perdendo peso nelle fasi iniziali prima che si verifichi un danno permanente “ conclude.

CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi