Panini con tonno all’istamina?

A cura della Redazione

Sanitadomani.com Ancora una volta a seguito di alcune segnalazioni da parte di cittadini, I NAS dei Carabinieri hanno effettuato un controllo all’interno di un bar/pasticceria del nord Italia ( come, fortunatamente, avviene sempre più spesso).
Nel corso dell’accertamento e delle analisi compiute su un preparato a base di tonno i militari hanno accertato che i valori di istamina erano in quantità superiore ai limiti massimi, tali da causare malori nel caso di ingestione.
Il proprietario del bar-pasticceria è stato denunciato in stato di libertà con l’accusa di somministrazione di alimenti in cattivo stato di conservazione e in stato di alterazione.
(Forse sarebbe opportuno che i nostri legislatori prevedessero pene molto più severe, compreso l’arresto immediato, per quanti per guadagnare qualche euro in più rischiano di far star male gli altri).
In fenomeno dell’eccessiva istamina nel tonno si manifesta, in modo pericoloso per l’organismo umano, nel caso di una cattiva conservazione del pesce, sia esso fresco o in scatola.
A seguito proprio del senso di irresponsabile ignoranza, o grave superficialità, degli esercenti si può essere colpiti dalla “Sindrome sgombroide”: in realtà si tratta di un grave stato di intossicazione da istamina che, molto spesso, viene erroneamente trattata come un’allergia in quanto la sintomatologia manifestata è molto simile.
In pratica, invece, si tratta di una serie di tipologie di pesce, il tonno in primis, che contengono tale molecola organica che può causare la “Sindrome Sgombroide” che si sviluppa nell’uomo ingerendo tonno, acciughe od altri genere di pesce che non sono stati conservati alle giuste temperature e con l’adeguata igiene.

Tags: , , ,
a cura della redazione
sanitadomani.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi