Sole, tumori in aumento

SANITADOMANI.COM UNA DELLE CAUSE PRINCIPALI DEI TUMORI DELLA PELLE É ATTRIBUIBILE ALL’ECCESSIVA ESPOSIZIONE SOLARE SENZA LE DOVUTE PROTEZIONI

SANITADOMANI.COM – SALUTE. Mettere la crema protettiva in spiaggia?
E’ “da sfigati” per il 51% dei 3500 adolescenti che hanno aderito al progetto #soleconamore, campagna nazionale di sensibilizzazione sull’abbronzatura consapevole e sulla prevenzione del melanoma indirizzata ai giovanissimi, realizzata da Fondazione Aiom (Associazione italiana di oncologia medica).
Così come solo il 18% sa cos’è il fototipo (per il 53% è un tipo di immagine, per il 16% una tecnica di selfie e per il 13% una tonalità di colore dei fiori), mentre il 63% ritiene che le lampade solari aiutino ad abbronzarsi meglio e il 48% non sa cosa sia il melanoma (per il 24% è un problema alimentare).
E invece i raggi ultravioletti costituiscono proprio il principale fattore di rischio per il melanoma, il tumore della pelle più aggressivo e che è in costante crescita soprattutto fra i giovani – il 20% dei nuovi casi è riscontrato in pazienti fra i 15 e i 39 anni-.
“Il melanoma è una delle neoplasie che ha fatto registrare i più alti tassi di crescita, spiega Fabrizio Nicolis, presidente Fondazione Aiom:
“In un quindicennio in Italia, il numero delle nuove diagnosi è raddoppiato, passando da poco più di 7.000 nel 2003 a 13.700 nel 2018 e la mancata conoscenza dei fattori di rischio gioca un ruolo decisivo.
Le diagnosi negli adulti di oggi sono la conseguenza dell’esposizione scorretta al sole da giovani in passato”.
Una campagna, partita a fine maggio, che si protrarrà durante l’estate, utilizzando il linguaggio e soprattutto le modalità di comunicazione dei giovani, con test sui social e lungo le spiagge condotti dai principali influencer.
Una sensibilizzazione al problema “sole sicuro” che cerca di smontare anche la falsa convinzione di molti che le lampade solari siano utili per preparare la pelle all’abbronzatura estiva.
“I danni di queste apparecchiature sono sottovalutati – afferma Stefania Gori, presidente nazionale Aiom- È dimostrato anzi che il loro utilizzo, soprattutto in età inferiore ai 35 anni, aumenta in maniera significativa il rischio di melanoma.
L’intensità degli ultravioletti artificiali è di 12-15 volte superiore all’esposizione solare naturale”.
Ma i problemi non finiscono qui: anche i tatuaggi devono essere considerati con attenzione: “Non aumentano il rischio di melanoma, ma in alcuni casi ne rendono più difficile la diagnosi – sottolinea Fabrizio Nicolis – I pigmenti infatti ostacolano il monitoraggio dei nei, i cui cambiamenti rappresentano il segnale della trasformazione in forma tumorale.
Inoltre il 50% dei melanomi si sviluppa a partire da nei preesistenti, per cui i tatuaggi non dovrebbero mai essere eseguiti su lesioni pigmentate della cute”.

 

Tags: , , , , , ,
Giulia P. Laudien
Giulia P. Laudien è una collega impegnata nel settore del Welfare a tempo pieno. Laureata in legge, non è una giornalista professionista, ma si dedica da tanto tempo alla passione pubblicistica del giornalismo con serietà e impegno. La sua peculiarità (che il nostro direttore ama) è la sua puntualità e caparbietà nell’osservare meticolosamente ogni cosa. Collaboratrice indispensabile per una redazione giornalistica che apprezza quanti scrivono in lingua italiana e che amano raccontare ai lettori cose belle e cose meno belle facendosi condividere per la precisione e la gradevolezza nella narrazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi