Test su pazienti con cancro avanzato allo stomaco

A cura di Elisa Bortolini

Prof Davide Melisi

Sanitadomani.com Verona. Partita in esclusiva mondiale una sperimentazione clinica su un nuovo farmaco molecolare contro il cancro allo stomaco.
Accade a Verona, dove un gruppo di ricercatori guidato da Davide Melisi, professore associato di Oncologia Medica all’Università e all’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, ha identificato un nuovo trattamento del cancro gastrico Her2-positivo in stadio avanzato.
Dopo i risultati preclinici negli studi di laboratorio, è appena partita in esclusiva mondiale una sperimentazione clinica su un primo gruppo di pazienti.
Si tratta di casi affetti da cancro gastrico Her2-positivo resistente al trastuzumab, che verranno sottoposti a trattamento con un potente farmaco inibitore di Fgfr3 chiamato pemigatinib, prodotto dalla casa farmaceutica Incyte.
Fino ad oggi, la prognosi per questo tumore è piuttosto severa, legata fondamentalmente ai fenomeni di metastatizzazione precoce, responsabili dell’esordio già avanzato della maggior parte dei casi individuati.
Questa malattia, purtroppo, ha un’aggressività intrinseca e l’efficacia dei trattamenti attuali con farmaci chemioterapici classici o farmaci a bersaglio molecolare è limitata.
La speranza adesso è quella di poter confermare sui pazienti gli eccezionali risultati ottenuti in laboratorio.

Tags: , , , , , , ,
a cura della redazione
sanitadomani.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi