Trattamento dell’infarto: meglio interventi su misura

Trattamento dell’infarto: meglio interventi su misura

Sanitadomani.com – MILANO: Uno studio italiano  di livello internazionale indica un nuovo standard di trattamento per l’infarto. I risultati suggeriscono di evitare di somministrare farmaci antiaggreganti a prescindere, intervenendo in maniera più mirata sulle necessità del singolo paziente.

La ricerca, chiamata Dubius, è durata 5 anni. E’ stata patrocinata dal’Aifa, agenzia del farmaco, e finanziata dal Gise, società italiana di cardiologia interventistica.

L’INFARTO PIU’ COMUNE SOTTO ANALISI

I ricercatori hanno preso in esame la forma più comune di infarto, quello in cui l’arteria coronarica non è del tutto ostruita. Prende il nome di NSTEMI e in Italia colpisce ogni anno 80mila persone. Fra queste, 52mila pazienti (il 65%) vanno incontro a stent coronarico, l’introduzione nel cuore di un tubicino a maglie espandibile per evitare l’ostruzione delle arterie.

Sono 30 i centri di eccellenza italiani che hanno fornito i dati ai ricercatori. L’obiettivo era quello di individuare la strategia di trattamento più efficace e sicura nei momenti iniziali di assistenza, prima di decidere l’eventuale intervento da effettuare. “Abbiamo ritenuto necessario valutare le implicazioni cliniche dell’approccio farmacologico più comunemente utilizzato -spiega Giuseppe Tarantini, presidente del GISE -. Ovvero il cosiddetto pretrattamento che viene applicato a tutti i pazienti fin dal primo sospetto diagnostico di infarto. Il DUBIUS lo ha confrontato con una strategia selettiva, basata sulla somministrazione di un antiaggregante solo dopo la certezza della diagnosi ottenuta dalla coronarografia”.

E’ emerso come sia fondamentale ricercare un approccio su misura a ogni paziente. Una scelta migliore rispetto a un trattamento antiaggregante a prescindere.

IL FUTURO DEL TRATTAMENTO DELL’INFARTO

Le attuali procedure quindi potrebbe cambiare, tenendo conto proprio di questa ricerca. Il  suggerimento è quello di sottoporre i pazienti a una coronografia da accesso radiale (il polso) entro un massimo di 24 ore dall’episodio. Nonostante  possa apparire un trattamento più invasivo, dà risultati migliori di una terapia antiaggregante somministrata a tutti i pazienti prima.

Tra i benefici,  quello di evitare gli effetti collaterali di farmaci a chi non ne ha bisogno. Fra questi, quanti scoprono che i sintomi accusati non erano riferibili a un attacco cardiaco.  

CATEGORIES
TAGS
Open chat
Scrivi al Direttore,
- per segnalare che....
- per consultare uno specialista di...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi