Varici? Un centro al San Raffaele

A cura di Vincenzo Calò

Sanitadomani.com Milano Sono sette milioni, prevalentemente donne, gli italiani che soffrono di vene varicose: una problema che si sviluppa quando il sangue non circola correttamente dagli arti inferiori verso il cuore.
Il Professor
Roberto Chiesa, primario dell’Unità di Chirurgia Vascolare dell’Ospedale San Raffaele di Milano afferma: «Nei casi più avanzati il ristagno venoso può causare flebiti, tromboflebiti e, in casi più rari, anche ulcere cutanee da stasi, che si sviluppano solitamente intorno al malleolo».
Q
uando invece le varici diventano un caso ben più complesso può essere necessario intervenire con trattamenti mirati.
«Lo
stripping, per esempio, è una delle tecniche più utilizzate e consiste nell’asportazione chirurgica parziale o totale della vena che viene sfilata», afferma il dottor Domenico Baccellieri, chirurgo vascolare e coordinatore del Vein Center all’interno dell’unità diretta dal Prof. Roberto Chiesa.
Il
Vein Center dell’Unità di Chirurgia Vascolare dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano nasce infatti come centro di riferimento per il trattamento della patologie venose, dalle vene varicose alle trombosi venose acute e croniche e, grazie al team di professionisti, segue il paziente dalla diagnosi alla cura.

Sito web: https://www.hsr.it/news/2019/luglio/vein-center-patologie-venose

Tags: , , , , , , ,
a cura della redazione
sanitadomani.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi